• M&G Consulting

Cosa sono i KPI e come possono esserti utili.

Aggiornato il: gen 27

Cosa sono i KPI


KPI, acronimo di Key Performance Indicator: indicatori che misurano e monitorano i risultati ottenuti grazie alla strategia aziendale adottata. Per far si che l’analisi dell’andamento di un progetto sia accurata è necessario che questi parametri siano strettamente correlati al modello e gli obiettivi di business. Pertanto si possono individuare 4 tipologie di KPI:

- Generale: stimazione della mole di lavoro

- Qualità: valutazione della qualità degli esiti sulla base di dati standardizzati

- Tempo/Servizio: tempo di risposta rilevato da inizio processo fino al suo epilogo

- Costo: controllo delle spese effettuate in un dato periodo di tempo

Da questo si deduce che il carattere fondamentale dei KPI è la misurabilità, perché consente di esaminare attentamente il mutarsi di un progetto e commisurare i criteri di valutazione.

KPI possono essere utili, non solo come strumento di monitoraggio delle attività, ma anche come uno strumento di gestione del piano aziendale che regola le future performance. Ciò può provvedere a tutelare l’azienda da eventuali gap, consentendo una reattiva correzione delle lacune presenti tra obiettivi attesi e risultati ottenuti.

Carattere dei Key Performance Indicator - KPI











Scadenze Temporali: è necessario misurare con periodicità costante i KPI per tener sotto controllo gli sviluppi del proprio progetto.


COME SI INDIVIDUANO I KPI?

Data la stretta correlazione tra KPI e obiettivi aziendali è assolutamente necessario che quest’ultimi siano chiaramente definiti per far si che la misurazione dei parametri preposti sia accurata. Di seguito indichiamo cosa rende affidabile ed efficiente un KPI aziendale:

- Misurabilità: solo i parametri quantizzabili hanno valore

- Utilità: fruizione di dati che danno immediatezza alla risposta d’azione

- Impatto: se il KPI adottato non impatta non è adatto all’obiettivo di business scelto

- Funzionalità: un KPI deducibile velocemente consente una rapida azione. In caso contrario non è un buon KPI


Un esempio pratico per comprendere al meglio come determinare i parametri di misurazione degli obiettivi aziendali sono i KPI nella comunicazione

Nell’ambito del Marketing i KPI delineano l’andamento di un progetto sulla base degli obiettivi preposti per una campagna pubblicitaria o strategia di comunicazione. Data la progressiva e incessante ascesa dell’ “internet delle cose”, è bene soffermarsi maggiormente sui KPI da adottare nel Digital Marketing. Le regole di selezione esposte poche righe addietro sono comunque valide, ma nel mondo Digital anche la tipologia si sito web influisce sull’utilità di alcuni KPI: ad esempio per chi gestisce un blog è fondamentale tener traccia delle visite al profilo, i click sugli articoli, il tempo medio di permanenza per pagina e via dicendo. Questo permetterà al “blogger” di stabilire le criticità del suo sito e migliorarne la comunicazione.

Per un E-commerce i parametri da utilizzare saranno altri come le vendite, la conversione e la lead generation il quale indicano, alla bene e meglio, il grado raggiunto dal potenziale cliente nella canalizzazione di vendita.


Analisi dei Key Performance Indicator - KPI

In conclusione i KPI sono il navigatore indica la via del successo aziendale. Stabilirne con accortezza la rilevanza e l’efficacia è il primo tassello per il conseguimento degli obiettivi aziendali prefissati. Monitorare l’andamento di un progetto è il solo modo che si ha per sapere in che direzione di sta andando e se è fruttuoso o meno procedere in tal senso.

Se hai un progetto o un’attività e l’articolo ti ha incuriosito, visita il nostro sito e contattaci: saremo felici di intraprendere con te la strada per il successo!


Se necessiti di un valido supporto nel Digital Marketing per la tua attività, contattaci e chiedi un contatto gratuito. Clicca qui.


#MeGCOnsulting #KPI #Marketing

21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti