• M&G Consulting

5 Ragioni perchè il Business Plan è importante e Come fare un Business Plan.

Il Business Plan è uno strumento utile alla formulazione della strategia imprenditoriale come i piani strategici, questo documento sintetizza in circa trenta pagine gli obiettivi operativi e finanziari di un progetto imprenditoriale. Le specificità del BP sono: il Business di riferimento, la necessità e l’orizzonte temporale (dai 3 ai 5 anni). Nel Business Plan distinguiamo capitoli a carattere qualitativo e quantitativo quindi rispettivamente, parti puramente descrittive sull’azienda e le azioni che si desiderano intraprendere e parti che invece mostrano analiticamente quanto descritto.


La cosa importante non è solo il documento del Business Plan ma la strada che si compie per ottenerlo e il processo di studio e analisi interna che si fa sul progetto. Questo perché nella fase di redazione del documento si è portati ad analizzare ogni singolo aspetto del proprio progetto e la consapevolezza che si ottiene al termine del percorso è importantissima per l’imprenditore. Possiamo quasi dire che è più importante la strada che si percorre, per la stesura del Business Plan che il documento stesso.

Ma Veniamo ora alle 5 ragioni per cui è fondamentale un Business Plan:


1. Definisce i punti deboli e i punti di forza

Analizzando a fondo la tua idea imprenditoriale potrai vedere facilmente quali sono i tuoi punti di forza e di debolezza. Lavora a fondo su questi per ottimizzare sempre più il tuo progetto.


2. Aiuta a prendere decisioni ottimali

Avere un business plan ti aiuta a identificare potenziali insidie ​​nella tua idea. Puoi anche condividere il piano con altri soggetti esperti per ricevere opinioni e consigli. Generalmente identificare esperti e professionisti del settore potrebbe essere molto utile per ricevere consigli preziosi ed evitare errori critici.


3. Organizza le tue risorse

In qualità di imprenditore, avere un piano aziendale ti aiuta a concentrarti non solo su questioni finanziarie, ma anche sul carattere di gestione, pianificazione delle risorse umane, tecnologia e creazione di valore per i tuoi clienti.


4. Per raccogliere fondi comunicando con investitori

I potenziali investitori o istituti di credito vogliono un Business Plan scritto prima di concederti dei fondi. Una semplice descrizione del tuo concetto di business non è sufficiente. Invece, assicurati di avere un piano aziendale e finanziario completo che dimostri le probabilità di successo e dell'ammontare totale di cui avrai bisogno per far decollare la tua attività.


5. Rappresenta la mappa al raggiungimento degli obiettivi

Perseguire i tuoi obiettivi sarà più semplice se avrai delineato e strutturato il tuo cammino preventivamente. Il Business Plan guarda al futuro con proiezione a 3/5 anni definendo e scandendo i processi e gli obiettivi da raggiungere. Ottimizzerai le risorse e il tempo. Affidati a degli esperti che sapranno consigliarti per non prefiggerti obbiettivi non realistici o finestre di tempo troppo ristrette al raggiungimento degli stessi. Sì realista per non mentire, in primis, a te stesso.



Il carattere del Business Plan

Il Business Plan ha funzione organizzativa e ci aiuta a ridurre il rischio sul nostro progetto, data l’accurata analisi. La probabilità di errore la si riduce al minimo e la si limita a casistiche non preventivate. Di fatto queste casistiche non sono poi così rare, specialmente se si è un'attività emergente e nuova sul mercato, basti pensare a tutte quelle imprese che fino a fine 2019 avevano preventivato per il 2020 step ben precisi da seguire ma che non sapevano che una pandemia avrebbe ostacolato i loro piani...In questi casi è bene rivedere subito le priorità per non perdere denaro e tempo prezioso...


Tornando alla stesura, un consiglio utile che diamo è quello di non avere fretta nella redazione di questo documento, anzi bisognerebbe cercare di prendersi tutto il tempo necessario per riflettere su ogni aspetto cercando di rispondersi alle domande principali (che tra poco illustreremo) non banalmente. Infine una volta terminato sarebbe buona cosa farlo rileggere da qualcuno interno all’azienda o di fidato per avere feedback su quanto scritto.


Il Business Plan risponde al classico modello della formula imprenditoriale, cioè il modello delineato da: Cosa, Chi, Come (Cosa offriamo, a Chi lo offriamo e Come lo forniamo), determinando il passaggio dalla fase imprenditoriale grezza allo stadio avanzato.



Quando ci accingiamo a redigere un Business Plan dobbiamo porci dei quesiti fondamentali:

  1. Qual è il nostro target di clientela e quale no?

  2. Quali bisogni dei nostri clienti intendiamo soddisfare e quali non vogliamo soddisfare?

  3. Come facciamo a farci conoscere dai nostri clienti?

  4. Chi sono i nostri competitor?

  5. Qual è il raggio d’azione del nostro progetto e quali sono le economie di scala che dobbiamo soddisfare per essere competitivi?

  6. Analisi di costi e ricavi. Quali costi incidono maggiormente sul nostro business in base alla struttura economica che assumiamo? (Vedere costi fissi, costi variabili, ecc).

  7. Che tipo di struttura aziendale vogliamo assumere e perché? (SRL, P.IVA, SAS, ecc)


Come redigere un Business Plan?


Il Business Plan è composto da blocchi e per fare un BP di successo non possono mancare:

  1. Dati dell'imprenditore e dell'azienda

  2. Descrizione del progetto

  3. Analisi di mercato

  4. Strategia di marketing

  5. Struttura organizzativa

  6. Previsioni economico-finanziarie

  7. Fonti di copertura investimenti

  8. Stato patrimoniale e conto economico

  9. Flussi di cassa


Beh...ora non ti resta che rimboccarti le maniche e metterti al lavoro!


Se hai un progetto in fase di lancio e ti serve una mano a strutturare un Business Plan attendibile e di successo, contattaci gratuitamente qui. Ti aiuteremo nella fase di redazione del tuo Business Plan e ricerca degli investitori. La prima consulenza è Gratuita!


#MeGConsulting #BusinessPlan

9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti